Inicio Desiderio Il frutto del peccato studio privato

Quello che non vi hanno mai detto su Adamo ed Eva

Il frutto del peccato 188850

Le prime pagine della Bibbia ci parlano dettagliatamente di questa meravigliosa opera divina. Non possiamo chiudere questo capitolo senza fermarci alla magistrale definizione che Cristo da del peccato. Il peccato, in altre parole, è un prendere qualche cosa che appartiene a Dio. Il peccato produce una conseguenza e questa conseguenza è la morte. Il peccato produce la morte nel senso fisico o soltanto la morte nel senso spirituale? Noi riteniamo che in ambedue queste tesi è contenuta una parte di verità, ma nessuna delle due è perfettamente vera. Ormai anche i medici più scettici sono obbligali ad ammettere che tutte le malattie hanno, in maniera diretta o in maniera remota, una origine morale. La morte spirituale precede la morte fisica, come la resurrezione spirituale precede la resurrezione fisica Corinzi

In ogni esperienza religiosa, dunque, si rivelano importanti sia la dimensione del donativo e della gratuità, che si coglie come sottesa all'esperienza che la individuo umana fa del suo esistere all'unanimitа agli altri nel mondo, sia le ripercussioni di questa dimensione sulla anima dell'uomo, che avverte di essere interpellato a gestire in forma responsabile e conviviale il dono ricevuto. Essa risponde alla ricerca umana del divino in modo inatteso e sorprendente, grazie ai gesti storici, puntuali ed incisivi, nei quali si manifesta l'amore di Altissimo per l'uomo. Secondo il libro dell'Esodo, il Signore rivolge a Mosè questa parola: « Ho osservato la bazzecola del mio popolo in Egitto e ho udito il suo grido a causa dei suoi sorveglianti; conosco difatti le sue sofferenze. Sono sceso per liberarlo dalla mano dell'Egitto e per farlo uscire da questo paese verso un paese bello e spazioso, verso un paese dove scorre latte e miele » Es 3, La prossimità gratuita di Dio — alla quale allude il Suo stesso Nome, affinché Egli rivela a Mosè, « Individualitа sono colui che sono » Es 3,14 — si manifesta nella affrancazione dalla schiavitù e nella promessa, diventando azione storica, dalla quale trae albori il processo di identificazione collettiva del popolo del Signore, mediante l'acquisto della libertà e della terra di cui Dio gli fa dono. Sul altura Sinai, l'iniziativa di Dio si concreta nell'Alleanza col Suo popolo, al quale viene donato il Decalogo dei comandamenti rivelati dal Signore cfr. Es

E il Signore Dio fece spuntare dal suolo ogni sorta di alberi piacevoli a vedersi e i cui frutti erano buoni da mangiare. Ma avvenimento sappiamo veramente di questo racconto? La struttura Il testo si presenta come un perfetto esempio di chiasmo apocalittico, una struttura simmetrica in cui ciascuno sequenza del racconto ha un adatto parallelo posto in posizione speculare. Il testo appare quindi diviso in coppia parti simmetriche, di cui la seconda è il capovolgimento della prima. Realtà o allegoria? Gli antichi Midrashim hanno cercato in ogni singola parola del testo insegnamenti morali di grande influenza, e la Kabbalah ha caricato il racconto di innumerevoli elementi mistici e concetti spirituali.