Inicio Sensualità Le mutandine gonfie per soddisfarti la tua voglia

La Svolta di Susy

Le mutandine 803872

Voglio parlarti un secondo per proporti una cosa: ti ricordi di Alessandra, vero? Tu cosa ne pensi? Ti fermi e sorridi aspettando la mia risposta. Ci penso un attimo su: effettivamente sarebbe una bella occasione nonostante Alessandra non sia una gran bella ragazza, ma come mai quattro piedi? Prendo le mie cose, ti bacio e ti lascio da sola, tornando a casa per qualche ora. Rimaniamo per rivederci da te alle quindici. Arrivato a casa mi sistemo un attimo e mi cambio, scambio due chiacchiere con i miei e mangio un boccone. Il tempo passa velocemente e poco prima delle quindici esco di casa per tornare da te, emozionato ma anche timoroso del pomeriggio che mi aspetta.

No, non guardava o spiava, ma osservava, immaginava. Gli occhi della maggior brandello delle persone son frettolosi, distratti, i suoi no. Lui coglie ogni caratteristico e di quel particolare ne fa un gesto erotico, un amplesso impercettibile ma potente. Perchè il saper adempiere è arte suprema e lui è un artista.

I seni turgidi ed il fisico arido ben proporzionato erano un piacere per gli occhi, lasciava che lo espressione le scendesse sotto gli addominali tonici e cadesse lascivo sul pube ove la micina completamente depilata, appena schiusa da una leggera apertura delle cosce, era in bella mostra. Le gambe toniche e forti, affusolate ad affiancare la vista verso due piedini da mordicchiare la resero orgogliosa di se, poteva turbare tranquillamente il sonno degli ometti che ostinatamente la squadravano per strada. Ripercorse brevemente la nottata, a casa del suo uomo ed in compagnia dei suoi amici, dopo pasto seduti mollemente sul divano avevano preso a parlottare del più e del meno, il suo cortissimo vestito faceva risaltare i seni generosi e le gambe muscolose, gli sguardi degli uomini si facevano sempre più voraci. Epoca bloccata, le caviglie erano legate in modo che la sua fregna depilata fosse già schiusa e sicuramente il suo buchino era in bella esibizione. Probabilmente che vorresti essere usata come una bestia, o sbaglio? Sentivo quel liquido viscoso scorrere lungo le cosce ed i polpacci, arrivare giù aguzzo ai piedi ed imbrattarle i sandali da troietta a cui teneva innumerevole. Doveva sembrare una vera porca insieme una banana nel culo, le slip in fondo ad una gola colma di sperma, il viso rosso dalle sberle, le braccia alte legate alla libreria e la figa sventrata da quegli animali. Non aveva mai esausto nulla di simile, non aveva giammai concesso contemporaneamente i sui più preziosi buchini e le sevizie ai capezzoli ed alla schiena si mischiavano insieme le penetrazioni facendola tremare dal controverso per la strana situazione e dal piacere. Decisero di farle un bel regalino, i due uomini che le scopavano il culo e la fighetta aumentarono ritmo e potenza della pompata, tanto da riuscire a venire all'unanimitа, le scaricarono nelle carni una quantità di caldo latte che la fece sobbalzare, mentre gli altri due uomini si menarono il pene davanti al suo viso, le avevano tolto le mutandine di bocca e la obbligavano a puntare i suoi occhioni caldi sui loro visi.