Inicio Sensualità Signora femminilita alla francese senza limiti

Il Network

Signora femminilita 177291

E' lo stile parigino, che profuma di croissant e baguette consumate all'ombra della Tour Eiffel e che ha fatto conoscere il glam delle donne della Ville Lumière a tutto il mondo. Sono loro infatti le portatrici sane di questo stile basico, essenziale ma vincente, un passepartout per essere chic in ogni occasione con pochi capi chiave ed una palette composta, in sostanza da tonalità strategiche da combinare con cura. Uno stile perfetto per questi tempi in cui la semplicità e la comodità sono gli unici vezzi fashion da mostrare, e la maglietta a righe torna ad essere il feticcio della prossima primavera - estate. D'altronde a fare da modello alla schiera di donne che amano i look alla parisiénne, senza limiti di età, c'è Ines de la Fressange, 63 anni, ex modella, oggi stilista ed imprenditrice con all'attivo libri sulla moda, collaborazioni con brand famosi come Uniqlo e Roger Vivier, un simbolo di eleganza made in France.

Le donne che calcano la scena dei locali parigini più alla moda si vestono di una femminilità esasperata per meglio svestirsi sul palco. Ma non chiamatele spogliarelliste. Sono le nuove effeuilleuses, maestre nello sfogliare indumenti come petali di un fiore, nipotine delle sciantose ammiccanti e ironiche che hanno costruito epoca nella Londra Vittoriana o nella Parigi della Belle Epoque. Quasi tutte le feste di fine anno nella capitale francese sono un omaggio a queste vamp di ritorno, pin-up del Duemila che giocano con il ambizione maschile senza mai sottomettersi del complessivo. E anche in Italia sempre più ragazze sognano di imparare questa antica arte della seduzione. Nel suo cabaret-boudoir di Belleville ha creato alcuni dei più famosi spettacoli del neo-burlesque oppure new burlesque.

È la città degli eccessi, è un luogo senza limiti. Infinita, con ella non è possibile avere mezze misure. Come ha magnificamente scritto Peter Ackroyd, nel volume Londra. Non è un caso se, tra i quattro punti cardinali delle collezioni viste, differenti linea che corrispondono ad altrettante esigenze affatto differenti delle donne che, essendo persone e non componenti di una opposizione sociale, hanno gusti e desideri autonomi e individuali. State attenti, maschi violenti. Sfoglia la gallery Tendenze gioielli: il meglio dalle sfilate Primavera Estate Badare terra terra Due signore, due istituzioni, affrontano il problema della sostenibilità insieme toni e ragionamenti assai diversi: Margareth Howell e Vivienne Westwood. Anche se la seconda è più famosa a livello internazionale, la prima è amatissima in terra natia ma raccoglie proseliti anche tra tutti i radical chic del mondo con il suo armadio minimale, che varia volutamente pochissimo di stagione in stagione, perché il adatto desiderio è fare vestiti, non moda: camicie bianche, pantaloni blu, tagli geometrici in tessuti pregiatissimi e confezione di altissimo livello.